Lavoro

Sono sempre più specifiche le risposte ed efficienti i servizi che gli operatori del Patronato ANMIL riescono a mettere a disposizione dell’utenza, con professionalità e puntualità, attraverso la rete capillare diffusa su tutto il territorio nazionale ed intercontinentale. In questa sezione, relativa a tutte quelle prestazioni strettamente collegate al lavoro, analizzeremo nel dettaglio alcune facoltà, possibilità, diritti che ogni lavoratore può far valere al cospetto degli Enti Assicuratori.


TFR
Il TFR, o liquidazione o buonuscita, è quella somma di denaro che viene erogata a favore del lavoratore subordinato, pubblico o privato, nel momento in cui si verifica la cessazione del rapporto di lavoro continuativo, a prescindere da quale sia stata la causa dell'interruzione (dimissioni o licenziamento) per cui, essendo un diritto, è comunque dovuto. Nel caso in cui il datore di lavoro mostri inadempienze nel pagamento del TFR per vari motivi, è possibile recarsi presso una delle sedi del Patronato ANMIL che valuterà la posizione e l’eventuale inoltro della richiesta all’INPS per il pagamento delle spettanze direttamente dall’Ente assicuratore.


Congedi obbligatori e congedi parentali
Vi sono prestazioni in alcuni casi obbligatorie ed in altri casi facoltative. Il congedo di maternità è considerato obbligatorio, nella durata di 5 mesi, per la madre lavoratrice dipendente, libero professionista, autonoma o collaboratrice, attivabile con apposita procedura telematica. Anche il padre lavoratore dipendente ha l’obbligo di usufruire di 2 giorni di astensione entro il compimento del quinto mese di vita del figlio e di ulteriori 2 giorni facoltativi da usufruire comunque non oltre il 5° mese di vita del figlio. Si precisa che questi ulteriori 2 giorni facoltativi sono condizionati alla decisione della madre di non fruire di altrettanti giorni del suo congedo di maternità obbligatoria.


Congedi per cura
Il congedo per cure tiene conto della necessità del lavoratore di sottomettersi a cicli di cura utili ad un suo recupero fisico, non rinviabili, che comportano ripetute assenze dal lavoro. Questo congedo é utile ai lavoratori ed alle lavoratrici affetti da gravi patologie, con riconoscimento di invalidità civile superiore al 50%.


Congedo malattia del figlio
È prevista la possibilità per entrambi i genitori, alternativamente, di astenersi dal lavoro durante le malattie del bambino di età inferiore a otto anni; fino al terzo anno di vita del figlio è possibile usufruirne illimitatamente, se il bambino è di età compresa fra tre e otto anni. L'astensione è limitata a 5 giorni l'anno per ciascun genitore. Per fruire di questa agevolazione è necessario presentare un certificato rilasciato da un medico specialista del Servizio Sanitario Nazionale.


Congedo Straordinario biennale (art. 42 D. Lgs. 151/2001)
I beneficiari potenziali del periodo di 2 anni di congedo retribuito sono lavoratori dipendenti (anche a tempo determinato) del settore pubblico e privato, che hanno un familiare con handicap in situazione di gravità. Non ne hanno diritto i lavoratori domestici e i lavoratori a domicilio. Prerogativa determinante è che abbiano titolo a fruire del congedo straordinario i lavoratori dipendenti secondo il seguente ordine di priorità, che degrada solo in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti dei primi:
  • coniuge convivente (con emanazione della Circ. n. 38 INPS del 27/02/2017 in cui la parte di unione civile viene equiparata al coniuge convivente nella suddetta prestazione)
  • il padre o la madre
  • uno dei figli conviventi
  • uno dei fratelli o sorelle conviventi
  • un parente e affine entro il terzo grado.


Contattaci, saremo lieti di offrirti il supporto di cui hai bisogno.
Compila il form nella pagina “Chiedi all’esperto” e ti ricontatteremo al più presto.
Se preferisci, chiama il nostro call center 800 18 09 43 .

Vedi anche

Alcuni dei nostri servizi

  • Assistenza in caso di fallimento per recupero delle spettanze
  • Calcolo delle spettanze retributive e rivendicazione delle differenze
  • Congedo del padre
  • Congedo di maternità e di paternità per i lavoratori dipendenti e autonomi
  • Congedo di maternità e paternità per i lavoratori iscritti alla Gestione Separata
  • Congedo per cura
  • Congedo per malattia del figlio
  • Congedo straordinario biennale (art. 42 D.Lgs. 151/2001)
  • Consulenza sul contratto di lavoro
  • Contestazione licenziamento illegittimo
  • Controllo della busta paga
  • Permessi mensili Legge 104/1992
  • Prolungamento congedo parentale
  • Riposi per allattamento
  • Vertenze di lavoro