Lavoro occasionale, Libretto Famiglia e Contratto di Prestazione Occasionale

Family

cheerful child with painted hands on white background

Con la recente Legge n. 96 del 21/06/2017 sono state introdotte le nuove disposizioni in materia di lavoro occasionale, in sostituzione dell’abolito sistema dei cosiddetti “vaucher”.
Con Circolare n. 107 del 5/07/2017 l’INPS ne ha illustrato le modalità di applicative.
Le nuove disposizioni prevedono le due seguenti, diverse forme, di lavoro occasionale:
1) LIBRETTO DI FAMIGLIA (“LF”), riservato ai lavori occasionali prestati presso le famiglie, così individuati dalla suddetta legge:

  • lavori domestici, inclusi i lavori di giardinaggio, di pulizia o di manutenzione;
  • assistenza domiciliare ai bambini e alle persone anziane, ammalate o con disabilità;
  • insegnamento privato supplementare.

2) CONTRATTO DI PRESTAZIONE OCCASIONALE (“CPO”), utilizzabile dai datori di lavoro, che non occupino più di cinque lavoratori a tempo indeterminato, individuati nelle seguenti
categorie:

  • professionisti;
  • lavoratori autonomi;
  • imprenditori;
  • associazioni;
  • Fondazioni ed altri enti di natura privata;
  • imprese agricole;
  • amministrazioni pubbliche.

Per ambedue le fattispecie, suindicate sono stabiliti i seguenti limiti annuali:

  • il prestatore non può ricevere compensi di importo complessivamente superiore a 5.000 euro, con un tetto di 2.500 euro conseguibili presso ciascun datore di lavoro;
  • l’utilizzatore, con riferimento alla totalita’ dei prestatori non deve superare l’ importo complessivo di 5.000 euro; con un tetto di 2.500 euro per ciascun prestatore di lavoro.

A tale fine, si considera solo il 75%, limitatamente agli importi netti corrisposti:

  • ai pensionati di vecchiaia e di invalidità;
  • agli studenti al di sotto dei 25 anni;
  • ai disoccupati;
  • ai percettori del reddito di inclusione o di altre prestazioni a sostegno del reddito (Rei o Sia).

Esiste, inoltre, l’ulteriore tetto individuale di 280 ore di lavoro annue il cui superamento comporta l’automatica trasformazione del rapporto di lavoro in contratto a tempo indeterminato.
Previsione questa che non si applica alla pubblica amministrazione.

 

Per maggiori informazioni, rivolgiti alla sede del Patronato ANMIL più vicina o contatta il numero verde 800 180943.