Home

 

 

Il Patronato ANMIL ha attivato un numero verde gratuito

 

Stampa E-mail
Lunedì 18 Luglio 2016 00:00

In Evidenza - News


SERVIZIO CIVILE: UN'OPPORTUNITÁ CHE IL PATRONATO ANMIL VUOLE DARE A TANTI GIOVANI.

Il Patronato ANMIL, per dare la possibilità a quei giovani che vogliono essere utili nel sociale, ha fatto domanda alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale, per l’accreditamento al Servizio Civile.
L’accreditamento degli enti di Servizio Civile Nazionale ha lo scopo di assicurare le condizioni perché l’impiego dei volontari sia efficace, in termini di utilità per la collettività ed efficiente in rapporto alle risorse pubbliche impiegate; si vuole altresì garantire che la proposta rivolta ai giovani sia chiaramente definita e comunicata in modo trasparente, e che l’esperienza di servizio civile costituisca effettivamente un momento di crescita personale e di miglioramento delle capacità dei giovani. L’accreditamento consiste perciò nell’accertamento del possesso dei requisiti strutturali e organizzativi adeguati e delle competenze e risorse specificamente destinate al servizio civile nazionale richiesti agli enti, nonché nell’accertamento del mantenimento nel tempo dei predetti requisiti.
Continua...


Corso di Formazione del Patronato ANMIL di Lecce

Nei giorni 26 e 27 luglio, presso la sede ANMIL di Lecce si è tenuto il corso di formazione per i collaboratori volontari.
Hanno partecipato 11 collaboratori, il consulente legale e gli operatori della sede.
Il Presidente Antonio Corvaglia al termine dell’iniziativa ha manifestato l’apprezzamento per la qualità del percorso formativo che è stato tenuto da Concetto Iannello e Pino Sechi.
I temi trattati, l’organizzazione del patronato e le regole ministeriali, (Iannello) con particolare attenzione alla qualità del lavoro sottoposto a verifica dal Ministero.
Infortuni e Malattie Professionali, il mandato di patrocinio e gli elementi basi del sistema previdenziale (Sechi).
Nella seconda giornata formativa sono stati esaminati i temi della disabilità, dalle provvidenze Inps per i lavoratori, alla assistenza per i cittadini invalidi e l’indennità di accompagnamento.


Formazione ai collaboratori volontari del Patronato ANMIL

Si è tenuto presso la sede ANMIL di Messina il corso per collaboratori volontari del Patronato.
Hanno partecipato 22 volontari, provenienti da diversi centri del territorio di Messina.
Giovani laureati, laureandi, avvocati e lavoratori che da tempo collaborano con l'ANMIL territoriale di Messina.
Ha inaugurato il corso il presidente Carmelo Paci, seguito dal responsabile del patronato Mario De Marco.
Tra gli argomenti trattati: prestazioni Inail, pensioni Inps, l'invalidità civile e a richiesta dei corsisti, cenni sulla previdenza complementare. Il corso è sono stato tenuto da Vittorio Glassier e Pino Sechi della direzione generale del patronato ANMIL.


Anmil Veneto e Patronato: Padova giornata formativa sull'Amianto e creazione dello "Sportello Amianto".

A Padova presso la sede territoriale Anmil, alla presenza del Vice Presidente Nazionale Anmil Franco Gerardin, i presidenti territoriali di Padova, Ferrara, Rovigo, Belluno e Venezia, i dipendenti del Patronato ed i Consulenti legali e medici, si è tenuta una giornata formativa dedicata alle problematiche connesse all'Amianto.
Con questa iniziativa Anmil del Veneto ed i servizi di Patronato danno vita allo "Sportello Amianto".
E' intervenuto Giuseppe Turudda componente del CIV Inail e dirigente Anmil Padova. Per il Patronato nazionale sono intervenuti Vittorio Glassier e Pino Sechi.
Ha concluso la giornata formativa il Coordinatore Nazionale della Consulta medico legale del Patronato Anmil.

 


La Corte stoppa la norma “Anti-badanti” della pensione di reversibilità.

La norma dichiarata illegittima, definita a suo tempo “anti-badanti”, limitava l’ammontare della pensione di reversibilità quando il coniuge scomparso aveva contratto matrimonio a un’età superiore ai settant’anni e il coniuge superstite era più giovane di almeno vent’anni.
Per le pensioni liquidate dal 2012, era stata introdotta la regola che a fronte di un matrimonio tra una persona con più di settant’anni e un’altra più giovane di oltre vent’anni, l’importo della pensione di reversibilità sarebbe stato ridotto del 10% per ogni anno di matrimonio di durata inferiore a 10 anni.
Continua a Leggere

 


Domande di DIS COLL 2016 erroneamente presentate si possono trasformare in domande NASpI e non viceversa.

Nell’ipotesi contraria di domanda NASpI presentata in luogo di domanda di DIS COLL la suddetta trasformazione non è consentita.
Pertanto la trasformazione delle domande di NASpI in domande di DIS COLL 2016 determinerebbe un’alterazione dell’ordine cronologico di presentazione delle domande, con possibile pregiudizio del diritto di altri assicurati che abbiano correttamente presentato una domanda di DIS COLL.
Tutto ciò premesso, nei casi sopra descritti in cui è consentita la trasformazione delle domande erroneamente presentate, le strutture territoriali procederanno all’acquisizione di una nuova e corretta domanda, esclusivamente su istanza di parte, corredata dalla documentazione eventualmente richiesta ai fini dell’accesso alla prestazione di disoccupazione spettante.

Analogamente, in presenza di istanze di parte o di ricorsi amministrativi riferiti a domande erroneamente presentate per le quali non sia intervenuta decadenza dal diritto, le strutture territoriali potranno agire in autotutela secondo le indicazioni sopra riportate. Messaggio Inps n. 2884 del 30/06/2016.

 


Secondo la Corte Costituzionale è legittimo il prelievo alle pensioni “d’oro".

Confermato il prelievo del 6% alle pensioni “d’oro” con importo compreso tra €. 91.343,98 e €.130.491.40 mentre è del 12% per le pensioni con importo compreso €.130.491,41 e € 195.737,11 mentre il prelievo è del 18% per importo superiore a € 195.737,12.
Questa è la decisione della Corte Costituzionale che ha deciso sulla questione sollevata dalla sezione della Corte dei Conti di Reggio Calabria secondo la quale questo “prelievo” celava “l’introduzione di una misura volta a realizzare un introito per l’Erario sotto forma di un risparmio realizzato forzosamente mediante la compressione di un diritto (come quello all’adeguamento dei trattamenti) attribuito ai pensionati”.


Disabili – prorogata scadenza presentazione autocertificazione esonero lavorazioni pericolose.

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con nota direttoriale n. 3879 del 1° luglio 2016, ha prorogato al 31 luglio 2016 il termine per l’invio dell’autocertificazione dell’esonero dall’obbligo degli addetti impegnati in lavorazioni che comportano il pagamento di un tasso di premio Inail pari o superiore al 60 per mille (previsto per il 1° luglio 2016 dall’articolo 5 del Decreto Interministeriale 10 marzo 2016).
Ricordiamo i requisiti richiesti dalla norma: • pari o superiore al 60 per mille;
• autocertificare l’esonero dall’obbligo per quanto concerne i medesimi addetti;
• versare al Fondo per il diritto al lavoro dei disabili un contributo esonerativo per ogni giorno per ogni lavoratore con disabilità non occupato.
Continua a Leggere in News/


Studenti e Lavoratori hanno diritto a percepire la Pensione ai Superstiti.

L’INPS con il messaggio n. 2758 del 21 giugno 2016 precisa i presupposti e le condizioni necessari per il riconoscimento e/o mantenimento del diritto alla pensione ai superstiti in favore dei figli studenti durante il periodo di vacatio studii ovvero nel periodo di svolgimento di attività lavorativa. ...
Continua a Leggere


Pensioni non rivalutate, la Consulta decide il 5 luglio..

Il 5 luglio la Corte Costituzionale si esprime sulla legittimità del decreto Poletti con il quale il Governo ha recepito la bocciatura della Consulta sul blocco della rivalutazione per le pensioni superiore a tre volte il minimo previsto dalla "riforma pensioni 2011": dopo il recepimento solo parziale della sentenza di illegittimità (n.70/2015) che ha ritenuto violati i principi di proporzionalità ed adeguatezza delle pensioni, sei tribunali hanno sollevato la questione.
Ecco i dubbi di incostituzionalità su cui si esprime la Corte: violazione del principio di uguaglianza per l'applicazione di un blocco ai soli pensionati e non ai percettori di altra tipologia di reddito; violazione del principio di capacità contributiva, di proporzionalità e adeguatezza della retribuzione; violazione di obblighi internazionali derivanti dalla Cedu (Corte Europea dei diritti dell'uomo). le sedi del Patronato ANMIL sono a disposizione, gratuitamente, per le informazioni, consulenze e l'inoltro dei ricorsi.


Il Patronato ANMIL partecipa all'audizione del CIV INAIL.

Roma ,21 giugno 2016 - Ieri si è tenuto a Roma importante incontro tra il CIV INAIL e i rappresentanti dei Patronati tra cui ANMIL , per un momento di riflessione sul percorso vigente di riconoscimento e di valutazione delle malattie professionali e per esaminarne criticità Le necessità di innovazione. Presente per il il Sig. Vittorio Glassier che intervenendo ha sottolineato come “non debbano esserci conflitti tra salvaguardia della prevenzione dei lavoratori esposti a un fattore nocivo e assicurabilità del rischio di ammalarsi professionalmente a causa di quel fattore nocivo.
Il lavoratore ne verrebbe danneggiato due volte: una prima volta dall’inefficacia dei mezzi di prevenzione e protezione, la seconda volta per l’inadeguatezza della protezione assicurativa INAIL. Urge pertanto, continua Glassier, la necessità di innovazioni legislative e tecniche per il riconoscimento delle malattie professionali".


Stati Uniti e Canada: continua l’impegno del Patronato ANMIL per il riconoscimento dei diritti anche fuori dall’Italia.

Il Patronato ANMIL è impegnato ad organizzare la tutela dei nostri connazionali all’estero; oltre che sostenere gli italiani emigrati e i loro discendenti, agevolare i processi di integrazione sociale, sta sviluppando i rapporti di collaborazione con le Autorità diplomatiche e consolari, con gli Enti previdenziali e con i Sindacati locali.
Continua a Leggere


Venerdì 26 Febbraio 2016, a TV2000, si parla di Invalidità Civile e da Lavoro anche con ANMIL.

Venerdì 26 febbraio 2016, alle ore 19.00, su TV2000 la trasmissione “Attenti al Lupo”, condotta da Giuseppe Caporaso e da Maris Milanese Michael, ha trattato argomenti importanti, legati alle invalidità civili ed a quelle da lavoro.
In merito a questo significativo ed attuale tema le novità di interesse per i cittadini sono state trattate dal Dott. Concetto Iannello, Responsabile Relazioni Istituzionali del Patronato ANMIL.
Si ricorda che per eventuali informazioni al riguardo è possibile contattare il Numero verde dell’ANMIL 800180943.

 





In Evidenza - Approfondimenti


Riconoscimento e mantenimento del diritto alla pensione ai superstiti in favore dei figli studenti durante il periodo di vacatio studii, ovvero, nel periodo di svolgimento di attività lavorativa.

Com’è noto, ai sensi dell’articolo 22, comma 2, della legge n. 903 del 1965 i figli superstiti o equiparati, a carico del pensionato o assicurato, che alla data della morte del dante causa hanno più di 18 anni di età, sono studenti e non prestano lavoro retribuito, hanno diritto alla pensione ai superstiti fino al compimento del 21° anno di età, in caso di frequenza di scuola media o professionale, ovvero, fino al compimento del 26° anno di età, in caso di frequenza di università.
Al fine del riconoscimento del diritto alla predetta pensione tutte le condizioni sopra indicate devono sussistere alla data dell’evento della morte del dante causa. ...

Continua a Leggere





In Evidenza - Contributi


Somma aggiuntiva – 14° mensilità - per le “pensioni basse” (art. 5, commi da 1 a 4, del D.L. 81/2007, convertito con modificazioni nella legge 127/2007)

Pagamento luglio 2016
Beneficiari e condizioni
La somma aggiuntiva viene corrisposta ai pensionati (INPS, INPDAP, IPOST, ENPALS) con età pari o superiore a 64 anni a condizione che non superino determinati limiti di reddito personale (Ai fini del diritto alla somma aggiuntiva, il reddito del coniuge non viene preso in considerazione. Il diritto alla somma aggiuntiva insorge semplicemente quando tutte le condizioni prescritte dalla legge siano verificate: non è richiesta alcuna domanda, per perfezionarlo, ma è se il diritto è accertato e non viene pagato è necessario provvedere con la domanda all’INPS).

Continua a Leggere





Questo sito non è una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001. Si informano gli utenti che alcune informazioni su questo sito sono state trovate su internet e liberamente riprodotte. Chiunque voglia rivalerne la paternità/maternità, può inviare un'email a:
info@patronato.anmil.it

 

 
 

Informazioni dall'ANMIL

Utilizziamo solo i cookies necessari per mostrare correttamente la pagina web e garantire il corretto funzionamento del sito.

EU Cookie Directive Module Information